ArteFiera compie i suoi primi quarant’anni

ARTEFIERA 28-01-16 - foto Michele NucciBologna, 28 dic – Arte Fiera compie i suoi primi 40 anni, e lo fa in grande stile. Giorgio Verzotti, direttore artistico da quattro anni insieme a Claudio Spadoni, ci ha raccontato come la prima fiera d’arte italiana sia arrivata a questo prestigioso traguardo. “Prima in Europa esisteva solo la fiera d’arte di Basilea e Bologna ha rappresentato l’antesignana dell’idea di fiera dell’arte contemporanea. E’ stata apripista di un lungo percorso evolutivo”. Alle origini era fiera in senso stretto, intesa come compra-vendita di opere. “Già dalla fine degli anni ’70 ci sono state rassegne che si collocavano fuori dal rapporto compra-vendita. Rricordo la Galleria d’Arte Moderna con le mostre curate da Renato Barilli,Francesca Alinovi, Roberto Daolio”. Era già viva dunque l’idea di far convivere il commercio e le esposizioni: “Da quando ci siamo noi abbiamo rafforzato questo elemento portando in campo mostre curatoriali, mettendo cosi in atto un’accelerazione del processo. Rispetto a 10 anni fa l’arte contemporanea è di moda, e noi abbiamo cercato di presentarci più come una rassegna di mostre che non una serie di stand espositivi”. Anche se tanti vengono solo per vedere “i prezzi delle opere in vendita sono molto variabili, si va da 1000 euro fino ai 100mila del grande nome”.

Qualche numero per capire l’entità della manifestazione: 20mila mq di esposizione, 3 padiglioni (25,26 e 32), 2000 opere per più di 1000 artisti rappresentati. “Il mercato ha funzionato perciò gli ospiti hanno chiesto e ottenuto di più. Abbiamo cercato di allargare gli spazi in modo organico, portando nel padiglione 32 le sezioni speciali: giovani, solo show, la sezione di fotografia curata da Castelli”.

L’idea guida alla base della selezione dei progetti proposti dalle gallerie è quella basata su criteri di qualità che tengano anche conto della tradizione della Fiera che “è sempre stata definita democratica” sottolinea Verzotti, “proponendo non solo il moderno e il contemporaneo ma anche il periferico, aperta a tutti i linguaggi della contemporaneità. Altre fiere sono snobistiche, invece noi non siamo una fiera di trend. Quelli se mai li abbiamo lanciati a suo tempo ed ora su questo possiamo vivere della gloria del passsato”.

A consolidare un già radicato rapporto di Arte Fiera con la città c’è ArtCity (arrivata alla quarta edizione) che offre un’ampia scelta di eventi e mostre diffuse in tanti luoghi della città. Inserito nel caleidoscopico programma pensato per i festeggiamenti dei quarant’anni di Arte Fiera non poteva ovviamente mancare la ART CITY White Night, la Notte Bianca dell’arte, sabato 30 gennaio.

Ascolta l’intervista realizzata da Piero Santi con Giorgio Verzotti ospite a Humus.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.