Arresti per spaccio di eroina e cocaina in zona Certosa

Bologna, 27 gen. – 9 spacciatori sono stati arrestati in flagranza di reato e uno ha ricevuto il divieto di dimora nell’ambito di un’indagine della Squadra mobile sulla vendita di eroina, cocaina e hashish intorno al cimitero della Certosa. In tre mesi di indagini e intercettazioni è stato individuato un gruppo di una ventina di uomini di origine nordafricana, denunciati per spaccio continuato in concorso, a capo dei quali c’erano due fratelli di nazionalità tunisina. Operavano soprattutto nel giardino Nicholas Green, usando il sottopasso che lo collega al giardino Pozzati, in zona Barca, come punto di avvistamento di eventuali pattuglie della polizia provenienti dall’asse attrezzato. L’operazione è stata chiamata Faraone perché tutto è nato dalle dichiarazioni di un cittadino egiziano arrestato un anno fa sempre per spaccio. Sono stati sequestrati 11 mila euro e circa un chilo di sostanze.

Delle 17 richieste di cattura, il gip ne ha date 11, più un divieto di dimora. 9 persone sono state già rintracciate dalla polizia. Fino alle 21 prevaleva la vendita di eroina, poi quello di cocaina. Alcuni pusher erano persone insospettabili, che dopo il “turno” tornavano in famiglia, spiega il capo della Squadra mobile della Questura di Bologna Lorenzo Bucossi.

Sul raid punitivo con le mazze contro gli spacciatori africani avvenuto giovedì scorso in Bolognina, invece, le indagini di digos e squadra mobile si starebbero indirizzando verso la pista antagonista. Qualche perplessità sulle indiscrezioni di stampa, ma nessun commento questa mattina da parte della questura, neanche sulle dichiarazioni del sindaco, che ieri, dopo il comitato sull’ordine pubblico in prefettura, aveva provato a ridimensionare l’allarme parlando di indagini su una o due persone responsabili di atti ripetuti.

Il raid verso gli spacciatori che stazionano davanti ad alcuni bar all’incrocio tra via Franco Bolognese e via Fioravanti era stato raccontato da un componente del comitato Azione Bolognina che ha riferito di un gruppo di incappucciati italiani armati di bastoni per colpire gli spacciatori. L’uomo però non ha chiamato subito la polizia.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.