Alessandra e Alessandra finalmente hanno il certificato di matrimonio

Bernaroli

Bologna, 16 giu.- Alessandra Bernaroli ha ritirato stamattina in Comune il certificato di matrimonio ottenuto dopo sei anni di battaglie legali. Nel 2009, infatti, la signora Alessandra si era vista annullare il matrimonio dal Comune di Bologna a causa del cambio di identità (da Alessandro ad Alessandra) e solo il 21 aprile scorso la Corte di Cassazione ha invece stabilito che il matrimonio con sua moglie deve ritenersi valido a tutti gli effetti.

IMG_2464_800x533

Così lo scorso 13 giugno Alessandra Bernaroli ha ritirato a Finale Emilia, comune in cui si erano celebrate le nozze, l’estratto per riassunto di atto di matrimonio, un atto che serve a dimostrare il luogo e la data di matrimonio, documento che le ha permesso oggi finalmente di ritirare il certificato di matrimonio al Comune di Bologna. La signora Alessandra si dice emozionata, “piena di gioia e soddisfazione” in questa giornata in cui finalmente è riuscita a raggiungere “un traguardo così desiderato e così giusto”.

Questo traguardo, spiega Anna Maria Tonioni, uno dei due avvocati della signora, “non è solo una questione d’amore, ma è prima di tutto una questione di diritti. La questione, infatti, interessa tutti noi e non solo le coniugi Bernaroli”.

E ciò è emerso fin da subito, infatti, già il giorno dopo la sentenza della Corte di Cassazione, spiega l’avvocato Giovanni Genova della Rete Lenford, il Tribunale di Milano ha emesso un’ordinanza per cui le coppie che son state divorziate d’ufficio, perché uno dei due coniugi ha cambiato sesso, hanno diritto di vedere riconsiderata la loro situazione. Se lo desiderano, hanno diritto di andare davanti al tribunale e ri-ottenere di essere sposati.

 

di Clara Vecchiato

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.