Alessandra e Alessandra ancora spose. La Cassazione: “No all’annullamento al cambio di sesso”

Bologna, 21 apr. – Il matrimonio tra Alessandra ed Alessandra resta valido. A mettere fine alla lunga vicenda è la sentenza della Cassazione secondo cui

La vicenda è quella di Alessandra Bernaroli che, nel 2009, si era vista annullare dal Comune il matrimonio nel momento in cui aveva fatto richiesta del cambio dell’identità sui documenti, da Alessandro ad Alessandra. La coppia si è battuta contro il “divorzio imposto”, con una vittoria in primo grado e l’annullamento in appello, fino alla Cassazione.

I giudici della Corte hanno dato massima tutela alla coppia, alla luce della pronuncia della Consulta che aveva definito incostituzionale lo scioglimento. Resta in ogni caso un vuoto normativo, che i giudici definiscono “costituzionalmente intollerabile” nella sentenza, riguardo ad un “modello di relazione tra persone dello stesso sesso”. Il verdetto infatti non determina “l’estensione del modello di unione matrimoniale alle unioni omoaffettive”. Quindi la sentenza, spiegano, ha la “funzione temporalmente definita, e non eludibile, di non creare quella condizione di massima indeterminatezza stigmatizzata dalla Corte Costituzionale in relazione ad un nucleo affettivo e familiare che, avendo goduto legittimamente dello statuto matrimoniale, si trova invece in una condizione di assenza radicale di tutela”.

Così la Suprema corte ha ritenuto “necessario” accogliere il ricorso delle due ‘Alessandre’ e “conservare” loro “il riconoscimento dei diritti e doveri conseguenti al vincolo matrimoniale legittimamente contratto fino a quando il legislatore non consenta ad esse di mantenere invita il rapporto di coppia giuridicamente regolato con altra forma di convivenza registrata che ne tuteli adeguatamente diritti ed obblighi”.

L’intervista ad Alessandra Bernaroli (di Serena Riformato)

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.