Aemilia. Domani al via il maxi processo in fiera

aula gip aemilia

l’interno del padiglione 19 della Fiera di Bologna allestito per l’udienza preliminare del processo AEmilia

Bologna, 27 ott. – Si apre domani mattina nell’aula speciale allestita nel padiglione 19 della Fiera di Bologna il processo Aemilia contro la ‘ndrangheta emiliana. Un processo maxi nei numeri: 219 gli imputati, un centinaio le persone offese, una trentina le udienze fissate fino a dicembre, a partire da quella preliminare di domani. Si terrà in camera di consiglio, alla presenza delle sole parti, a porte chiuse a stampa e pubblico. A rappresentare l’accusa saranno i pm Marco Mescolini ed Enrico Cieri.

Le misure di sicurezza saranno straordinarie, commisurate all’evento. L’area sarà controllata da telecamere e agenti e circondata da due cordoni di controllo, uno agli ingressi generali della fiera, l’altro, con metal detector, prima dell’accesso al padiglione 19. Fuori i praticanti degli studi legali, mentre gli avvocati dovranno presentarsi con la nomina in mano. Fuori anche i giornalisti, che potranno accreditarsi sul posto per accedere a una sala stampa in piazza della Costituzione.

“Nell’autonomia di ognuno e delle parti abbiamo convintamente deciso di finanziare uno spazio anche se mi rendo conto che è un’anomalia – cioè che la Regione finanzi – ma per me era assolutamente necessario farlo. Perché non potevamo permetterci che un processo su un tema così importante e che per noi diventa una delle questioni cruciali dei prossimi anni di governo di queste terre si tenesse altrove”, ha detto oggi il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.

Domani, durante l’udienza preliminare, all’esterno ci sarà un presidio della Cgil di Reggio Emilia, di Libera e altre associazioni impegnate nella lotta alle mafie.

L’Ordine dei giornalisti e l’Associazione della stampa dell’Emilia-Romagna si sono costituiti parte civile “a difesa dei colleghi Sabrina Pignedoli e Gabriele Franzini, vittime di pesanti intimidazioni di stampo mafioso durante lo svolgimento delle proprie mansioni professionali”, spiegano in una nota Ordine e Aser in riferimento ai casi dei giornalisti che, secondo le indagini, hanno subito pressioni da parte di membri dei clan. Si costituiranno parte civile anche Cgil, Cisl e Uil dell’Emilia-Romagna, insieme con “altre associazioni ed espressioni della società civile”, per “ribadire con fermezza e determinazione la volontà di sconfiggere le mafie”. Stessa strada percorrerà l’Arci, annuncia il presidente regionale Federico Amico e spiega: “La presenza attiva anche in ambito processuale, nell’interesse non solo dei soci e delle vittime, ma dell’intera cittadinanza non potrà che rafforzare l’azione di Arci sul territorio e l’efficacia delle sue iniziative di contrasto al dominio criminale”.

Per 9 imputati oggi sottoposti al regime restrittivo del 41 bis, fra i quali Nicolino Grande Aracri a capo della cosca omonima, è stato deciso che parteciperanno all’udienza a distanza, in videoconferenza.

L’inchiesta della direzione distrettuale antimafia aveva portato a gennaio a 117 misure di custodia cautelare e contesta a 54 persone l’associazione a delinquere di tipo mafioso. Gli inqurenti hanno individuato in Emilia-Romagna, in particolare nella provincia di Reggio Emilia, un’attività criminale legata alla cosca Grande Aracri di Cutro, in provincia di Crotone.

aemilia in fiera

l’esterno del padiglione

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.