A Bologna circo con ippopotami e giraffe. Gli animalisti pronti alla protesta

circo animali foto flickr Ana Gremard CC BY-NC-ND 2.0

Foto flickr Ana Gremard CC BY-NC-ND 2.0

Bologna, 5 gen. – Dromedari, leoni, cavalli, trigri, elefanti, giraffe, lama. Si vedono anche gli ippopotami nelle foto  e nei video pubblicati sulla pagina facebook e sul sito del circo Nelly Orfei, arrivato durante le feste di Natale a Bologna. A mobilitarsi contro “la prigionia e la sottomissione” degli animali e per “un circo senza sfruttamento” la Lav assieme all’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) e all’associazione Salviamo gli orsi della luna.

“I segnali del malessere di un animale in gabbia sono evidenti – si legge in un comunicato congiunto – in cattività sviluppano atteggiamenti stereotipati, come il dondolio, il continuo roteare e l’autolesionismo. Si stima che nei circhi italiani ci siano 2000 animali prigionieri e che in Italia il numero dei circhi attivi sia tra i 100 e i 130. L’Italia rappresenta uno dei Paesi europei con la più alta concentrazione di spettacoli circensi”.

Primo presidio domani mercoledì dalle 13.30 davanti ai tendoni dell’Orfei al Parco Nord di Bologna. Ma è previsto anche un sit-in Piazza Maggiore il 9 gennaio e altre iniziative. “Gli animali selvatici dei circhi- spiega Annalisa Amadori di Lav Bologna – sono sfruttati e maltrattati”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.