A Bologna arriva il “Bici plan”. Nuove ciclabili in vista

bicicletta tangenziale ciclabileBologna, 11 apr. – Palazzo D’Accursio studia il primo piano generale del traffico dedicato solo alle biciclette. Tramite l’Urban center, il Comune di Bologna ha pubblicato un bando per trovare il soggetto che sarà chiamato a redigere il “Bici plan“, individuando gli itinerari ciclabili in città di cui dovranno essere definite le caratteristiche tecniche, una stima dei costi e le priorità di attuazione. Inoltre, dovranno essere progettate le strategie di comunicazione giuste per promuovere l’uso della bicicletta in città.

Il bando scadrà  il prossimo 7 maggio ed è finanziato con un contributo da 85.000 euro del ministero dell’Ambiente. Ad annunciarlo è il sindaco di Bologna, Virginio Merola, che questa mattina in Sala Borsa ha aperto gli Stati generali della mobilità sostenibile insieme all’assessore al Traffico, Andrea Colombo, e al ministro dell’Ambiente, Gianluca Galletti.

Un impegno sposato in pieno anche dal nuovo ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, che in un messaggio inviato per il convegno di oggi a Bologna (e diffuso da Colombo), scrive: “Con tenacia continuo a insistere a spostarmi da casa al lavoro a Porta Pia con la bicicletta e dalle reazioni stupite o ironiche che ho visto, ho capito che la strada è ancora lunga prima che le nostre comunità si abituino a considerare i piedi, le due ruote e i mezzi pubblici come mezzi di locomozione intelligente”.

Soddisfatto l’assessore. “Avevamo proprio bisogno di un messaggio così chiaro”, afferma Colombo. Dal canto suo, Galletti ha ricordato che nel Def appena approvato dal Governo, per quanto riguarda le Grandi opere, “la priorità è stata data a quelle in fase progettuale avanzata. E fra queste, per quanto riguarda Bologna, ci sono i fondi dell”ex metrò“, che il Comune riutilizzerà per il trasporto pubblico cittadino. “Il mio ministero sta mettendo la massima attenzione sui temi della mobilita” cittadina- assicura Galletti- e abbiamo incrementato il fondo per la mobilità sostenibile. Bologna ha avviato molti progetti e ha molti finanziamenti su questi temi”. Il ministro ricorda che si tratta “anche di piccoli interventi, come piste ciclabili, mobilità elettrica e riduzione dell’inquinamento da edifici pubblici e privati. Noi ci orientiamo su questi interventi, con incentivi fiscali e semplificazioni urbanistiche”.

Maggiori fondi per la mobilità sostenibile li ha invocati anche il sindaco Merola, sollecitando il Governo sulla “necessità di una politica nazionale per la mobilità nelle città”, vista anche come “motore di sviluppo del Paese”. Allo stesso modo, il primo cittadino di Bologna ha esortato anche il Parlamento ad “approvare finalmente la riforma del Codice della strada”, tenendo conto anche dei suggerimenti e delle richieste arrivati dalle amministrazioni locali (Dire).

Get the Flash Plugin to listen to music.